Le esposizioni di pittura a Roma nel 2016

Mostre ed esposizioni di pittura a Roma, ecco un elenco di occasioni da non perdere

le esposizioni di pittura a roma

Sia che siate a Roma come visitatori o che siate residenti, è impossibile che la bellezza e l’arte non vi abbiano ancora conquistato. E tra le tante bellezze che la città mostra ai propri visitatori locali e stranieri c’è sicuramente la pittura.

Ovviamente in una città come Roma non sono pochi gli eventi legati all’arte; per questo motivo in questo articolo vi presenteremo una parte di quello che potrete vedere nel 2016.

Ci dedichiamo per il momento a che cosa c’è a disposizione in questo primo trimestre, dandovi tutte le informazioni necessarie. La capitale d’Italia presenta ogni anno innumerevoli mostre d’arte e pittura, di artisti strepitosi e famosi, autori di grande prestigio sotto ogni punto di vista artistico.

Quali mostre potete trovare in questo nuovo anno?

Le opportunità nate per il periodo festivo natalizio sono ovviamente terminate il 6 gennaio scorso, ma non vi preoccupate, perché ci sono ancora mostre in essere che dureranno fino a febbraio e a marzo, e molte altre che cominceranno in primavera, accompagnando gli amanti dell’arte in un lungo percorso per tutto l’anno, cercando di toccare tutti i punti fondamentali della storia della pittura e dei suoi maggiori maestri.

Il primo luogo dove vogliamo condurvi sono, ovviamente, i Musei Vaticani, dove si trova l’esposizione La memoria del sacro. Salvatore Fiume in Vaticano.

Tale rappresentazione è organizzata in memoria del centenario dalla nascita di Salvatore Fiume, ed è composta da opere solamente a tema religioso. Sono state dedicate tre sale alle opere dell’artista, tra cui ricordiamo Il trionfo della Chiesa e La predicazione di San Paolo. Iniziata il 17 dicembre 2015, terminerà il 26 marzo 2016.

Artista tutto da vedere, oltre alle opere citate saranno messe in rilievo nelle tre sale a lui dedicate, altri dipinti religiosi di notevole valore e che non dovete perdervi per nessun motivo al mondo!

Altra mostra di pittura che dovete senza dubbio vedere è quella dedicata alla Retrospettiva di Balthus, che torna dopo ben 15 anni dalla sua ultima rappresentazione. Insieme ad alcune foto, verranno esposti oltre 80 dipinti che provengono in parte da importanti musei italiani, e in parte da collezioni private.

Balthus è un artista che ha studiato e perfezionato la sua arte proprio a Roma presso Villa Medici, nel 1961. La mostra si pone l’obiettivo di mettere in parallelo le opere di Balthus con opere letterarie contemporanee ai suoi lavori, cercando parallelismi e similitudini.

Un progetto che certamente mostrerà molto di quanto Balthus ha appreso nel suo lungo soggiorno romano, e si cercherà anche di insegnare ai visitatori la storia di questo artista per chi non ne conoscesse già la biografia.

Approda a Roma nel Complesso Vittoriano, la mostra del Musée d’orsay impressionisti. Tete a tete. La rassegna terminerà il 7 febbraio. Rassegna di oltre sessanta opere raffiguranti ritratti di una Parigi ottocentesca, precisamente della seconda metà dell’ottocento.

Attraverso gli abiti, i volti e lo stile delle pitture presentate, l’obiettivo è mostrare quella che viene definita la Rivoluzione dello sguardo che ha caratterizzato un movimento di cambiamento inevitabile nello stile, di cui il portavoce indiscutibile fu senza dubbio l’impressionismo.

Le opere che si potranno ammirare sono di artisti dal nome altisonante e che non hanno bisogno di presentazioni come Manet, Renoir, Degas, Cézanne e molti altri artisti di un’epoca prolifica nel mondo dell’arte.

Ultimo elemento che analizzeremo è una mostra di pittura che ancora riguarda l’impressionismo, e che si intitola Impressionisti e Moderni. Capolavori dalla Phillips Collection di Washington. I dipinti esposti sono oltre 62 e provengono dal primo museo di arte moderna americano.

Oggi la Phillips Collection ha raggiunto una grande popolarità nel mondo dell’arte, e nell’occasione del centenario, Roma gli dedica uno spazio importante.

La mostra dedicata alla pittura europea e americana è pensata in forma di macro-sezioni rappresentanti le opere dei grandi artisti che nel XIX secolo hanno rivoluzionato la pittura europea. Un posto di rilievo all’interno della mostra è riservato a quegli autori che sono veri maestri moderni, e che hanno cambiato la visione dell’arte del Novecento. Citiamo per esempio Matisse, Modigliani, Picasso, solo per citare alcuni dei nomi illustri che troverete, come poi anche Vuillard e Soutine, che hanno caratterizzato questa corrente di cambiamento.

La Phillip Collection rispetto ad altri gruppi nati a cavallo delle due guerre è sicuramente diversa, dando valore alle opere più per il merito che per la scuola di pensiero che volevano rappresentare. Questa istituzione si è presa il giusto spazio all’interno dell’arte, e questa mostra è un tributo meritato per i suoi cento anni, un evento da non perdere. La rassegna terminerà il 24 febbraio.

L’arte a Roma dunque anche per questo nuovo anno inizia davvero con il piede giusto. Anche al Quirinale è presente una mostra dedicata a Balthus, con opere questa volta non solo religiose, che comunque caratterizzano la straordinaria bravura di questo pittore.

Pubblica un commento

TI SUGGERIAMO

LEGGI ALTRI

Roma

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...